Per un mondo SENZA GUERRE
Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

La medicina degli Angeli


La Medicina

degli Angeli







Le entità angeliche che sono presenti nella nostra vita, e ci assistono anche con la loro medicina, fatta di amore e del “light coaching” di cui l’autore è grande esperto





Ti chiedi mai cosa fare per il mondo? Certamente in questo momento storico, le guerre, gli attentati, etc., hanno minato l’inconscio collettivo, rendendo infertili le terre del cambiamento. Lavorare su se stessi, come ti ho ripetuto spesso, è la via più diretta e breve per guarire, entrare in contatto con la coscienza universale, e nel contempo dare un segnale del movimento positivo che stai accendendo! Il Tutto è un tessuto di cui anche tu fai parte, come una cellula – che unita alle altre – compone l’organo di un corpo, o una stella il firmamento celeste.

Quando ci ammaliamo, le cellule “cattive” riescono a riprodursi con una rapidità sorprendente! Talmente velocemente, che alcune patologie sono divenute il flagello dell’umanità. Non voglio proporre una Guarigione, imbonendo il lettore con le mie parole, desidero esprimere un’idea nella quale credo fermamente! Se certe idee malate prendono piede, è sempre più difficile inserire un concetto chiaro e risanatore. Se curi te stesso, applicando a te le tecniche degli Angeli – e magari diffondendone i principi – allora una goccia, avrà attivato un’onda di risonanza differente.

Tante gocce in un unico mare cosa creano?

Il bene che ti darai sarà uno specchio in cui tutti potranno ritrovare e vedere l’armonia che potrebbero afferrare!

Spesso dico che dobbiamo diffondere il “morbo” dell’amore! Che tutti si ammalino d’amore, inseguano se stessi e guariscano conseguentemente il pianeta!

Inizia ad avere pensieri positivi.

Tutti i giorni, ogni istante, sempre!

In una intervista, la signora Takata (colei che portò il Reiki in occidente) disse ai giornalisti che la incalzavano, chiedendole che cosa facesse per la guerra che imperversava: “Mi guarisco, dandomi luce”.

Capisci? Lei si amava, e amandosi nella luce del Reiki, realizzando cioè la pace dentro, portava la pace nel mondo.

Tu puoi fare lo stesso, da ora, da subito.

Quando ti osservi, e noti le cose che non vanno nel pianeta, pensa che ciò che puoi fare da subito è darti amore e come cellula del corpo universale, iniziare la diffusione del bene!





Gli Angeli inconsapevoli: noi, la luna ed il pozzo



Leggendo le righe ti sarai chiesto se gli Angeli e gli Arcangeli siano elementi dell’inconscio, creature immaginarie che l’uomo ha seminato nel terreno della sua esistenza.

La verità è un esperienza personale, che ognuno deve incontrare per sfiorare il cielo con le ali; bisogna necessariamente “scendere” nelle radici. Io credo non conti molto, al di là del viaggio di ognuno, sapere cosa siano gli Angeli. Credo in loro, ovviamente, ma il mio desiderio è che tu possa, ora che hai sperimentare “le chiavi” ed ascoltato il mantra, udire la tua verità; questa sola conta, questa sola ti farà scoprire se Jung avesse avuto timore di esprimere ciò che sentiva e leggeva nei suoi pazienti, come “Angelo” (egli la definì “l’energia primordiale che tutto muove…”). O come “balenò” agli occhi di W. Blake, che fece dei suoi Dialoghi dal cielo, poesie e quadri…

In fondo, parliamo tutti la stessa lingua, vogliamo tutti conoscere “la mano che accompagna i nostri movimenti”.



Nella Bibbia, quando Mosè e altri profeti udivano delle voci “divine”, non soffrivano di allucinazioni, ma manifestavano anticipatamente dei futuri presagi fisici.

Siamo così abituati a vivere secondo le “regole”, che quando accade una cosa strana, insolita, che affonda le sue radici nel mondo arcaico del sé irrazionale (contrapponendosi alla natura apparentemente razionale del nostro mondo) è difficile pensare che ciò possa essere spiegato secondo i criteri del senso comune.

L’uomo primitivo, invece, davanti a uno shock come quello provato da tutti noi – quando l’invisibile fa il suo ingresso nella nostra vita – non avrebbe avuto dubbi sulla propria sanità mentale, si sarebbe semplicemente rivolto ai suoi dèi immaginari, agli spiriti elementali, agli Angeli.

Anche Freud, come Jung, scoprì elementi bizzarri appartenenti ad altre dimensioni: nei sogni dei suoi pazienti, che sembravano completamente slegati dalle esperienze personali che provavano da svegli (forse gli Angeli sussurravano qualcosa…).

Freud ci parla di elementi “residui” appartenenti al primordio respiro del sé – o forme mentali – la cui presenza non può essere spiegata con niente di confrontabile nell’esperienza quotidiana della vita di tutti i giorni. Egli li individuò come avanzi biologici della parte preistorica e inconscia della mente nell’umanità, come un aggancio filogenetico al tutto che ci ha preceduto.

Jung li definiva archetipi o immagini primordiali. Io, con la Medicina degli Angeli, parlerei di “comunicazione” vera e propria con le sfere del Grande Cerchio.





Archetipi e simboli



L’archetipo è la tendenza a costruire modelli e forme interiori, ricavandone l’ispirazione originaria da immagini di carattere più generale; Jung pensava che fosse istintiva la tendenza a crearli. Recentemente si è scoperto come il cervello confermi il meccanismo archetipico, e quindi molte delle sue intuizioni.

I simboli, ai quali noi rispondiamo così irrazionalmente, si dividono in “naturali” e “culturali”. I simboli naturali sono derivati direttamente dal contenuto inconscio della psiche. I simboli culturali sono rappresentazioni collettive di alcuni dei più duraturi e comuni “segni” affiorati un numero di volte sufficiente da quelle società che li hanno adottati come “verità”.

Gli Angeli possono essere un esempio perfetto di un simbolo culturale che è stato accolto in Occidente. 4.000 anni di fede in queste creature, hanno creato una “verità eterna” che esercita ancora un considerevole potere inconscio – perché mantiene molto del suo originale valore magico. Secondo la psicologia, tali archetipi continuano a evocare profondi carichi emotivi che sono spesso espressi come pregiudizi irrazionali o irresistibili sentimenti contro ogni ragionevole evidenza.

Secondo la Medicina degli Angeli, attivando le serrature angeliche e veicolando le vibrazioni degli Arcangeli, tutti gli archetipi vengono movimentati, rinnovati e utilizzati ad un livello cosciente per l’evoluzione individuale e planetaria.

Usando le chiavi e i mantra su di te e su chi ami, curi il mondo e aumenti l’elevazione spirituale dell’intero pianeta.

Giorno dopo giorno, ci accorgiamo di come siano necessari dei passaggi che comportino un contatto con il sé superiore. I tempi che viviamo, rappresentano bene la crisi dell’uomo moderno, sempre meno capace di esprimere il suo talento, sempre meno conscio del suo essere, e della sua missione su questa Terra.





Nella ruota del tempo:

scegli il tuo destino con gli Angeli



Ti ho spiegato nella parte delle chiavi angeliche anche qualcosa sul karma, ma vorrei approfondire questo argomento per renderti più chiara la questione. Qualsiasi tipo di ambiente all’interno dell’umanità – personale, familiare, professionale o collettivo – è il risultato della condensazione di un determinato tipo di energia psichica generata dagli essere umani e manipolata creativamente dalle potenze integratrici dello Spazio, che noi chiamiamo Angeli o Deva.

L’uomo nasce per realizzare la sua “opera” nella perfezione che lo rappresenta e lo fa quotidianamente attraverso le tecniche e le esperienze del suo esistere.

Il compimento del destino karmico non è altro che il risultato della compenetrazione intelligente dell’uomo con l’attività dei Deva, di questi spiriti elementali, come li chiama lo studioso Hodson, che dai livelli che occupano, controllano il compimento della Volontà di Dio.

Quando stabiliamo questa chiara distinzione fra il libero arbitrio umano e la volontà divina incarnata dai Deva, ci stiamo introducendo realmente nelle vere cause o motivazioni della storia individuale, collettiva o universale.

Il centro di incidenza del processo è il Karma o Destino, ossia la Legge di Causa ed Effetto, che governa l’assoluto compimento della Volontà di Dio all’interno delle frontiere o dell’“anello invalicabile” dell’Universo.

Ciò che fa l’uomo, mentre si trova nel pieno esercizio del suo libero arbitrio, è offrire una costante resistenza alla Volontà reggente del Destino; questa resistenza si chiama normalmente volontà individuale2.

Le energie arcangeliche, come fonti di costruzione (proprio come accade nelle cellule con il nucleo), sono il centro della vita, e sono presenti ovunque come con-cause occulte di tutte le forme.

Attraverso le chiavi, riusciamo a divenire coscienti dei Semi che con la “costanza della luce” si depositano nel cuore della comprensione superiore attendendo il risveglio dell’eroe…





I Signori del Karma



Nel cosmo, esistono delle figure che chiamiamo i Signori del karma; essi sono Entità Angeliche di elevatissima ed indescrivibile perfezione spirituale, la cui evoluzione è frutto del pensiero della Fonte stessa³.

Essi agiscono in forma interdipendente, governando ciascuno un determinato settore del Sistema solare e della vita della Natura.

Una volta in un seminario, un partecipante, durante una meditazione sulle vite passate – utlizzando la sesta e la nona chiave – visualizzò una stanza con un trono: fummo emozionati nel cogliere questa immagine. Poi ci raccontò di come avesse parlato con il Re. Egli gli aveva detto che sarebbe vissuto a lungo, ma gli consegnò un messaggio da leggere in questo tempo per rilasciare le memorie accumulate. Visualizzò anche l’Arcangelo, non capì quale, ma si sentì assistito dal guaritore superiore.





L’Angelo dei registri Akashici



Questo è il Signore del karma, quello cui accediamo per conoscere le vite passate. Il suo centro viene esotericamente denominato la “Memoria Cosmica”. Questa straordinaria Entità Angelica mantiene in sé, non soltanto il vivo ricordo di tutti i fatti ed avvenimenti che accaddero nel tuo passato, ma anche tutti quelli che avranno luogo nel futuro dei pianeti che costituiscono il nostro Sistema solare e la nostra vita energetico-spirituale. Questo Grande Signore donerà, a tutti quelli che siano capaci di stabilire un contatto con la vita di qualcuno dei Suoi Angeli servitori, non soltanto le memorie del passato, ma anche l’intuizione del futuro.

Prova a pensare a quanto sia importante entrare in sintonia con questa essenza magnifica, come potrai risolvere il rapporto con ciò che sei stato nel tempo…



(tratto da “La Medicina degli Angeli”, di Marco Colantuoni)







La medicina degli Angeli





Marco Colantuoni è Naturopata, ricercatore nel campo del benessere e musicista. Lavora a Milano con Paolo Piccinini con cui ha fondato l’Associazione Progetto Anima. Tiene incontri individuali e seminari di gruppo.

Per contatti: www.iomivogliobene.it ; info@iomivogliobene.it

fonte: http://lucideimaestri.altervista.org/angeli1.htm

Nessun commento:

Posta un commento